Immagine testata Gianni Massanzana

Blog

Colpa medica, DANNI LUNGOLATENTI e decorso della PRESCRIZIONE (Cass. 23.10.2014, n. 22507, Est. Marco ROSSETTI)

Per poter richiedere i danni la parte lesa deve potersi avvedere della loro derivazione causale da un fatto colposo del medico piuttosto che da una naturale complicanza o da cause estranee all'operato dei medici. La recente giurisprudenza (Est. Marco Rossetti) ha ribaltato una doppia reiezione per intervenuta prescrizione (Tribunale di Alba-Bra e Corte d'Appello di Torino), così statuendo in tema di infezione conseguita ad un intervento di protesi d'anca:

«Nella parte in cui lamenta il vizio di motivazione il ricorso è fondato.

Responsabilità professionale del medico in un caso di somministrazione di farmaci

Come si sa, lo shock anafilattico è una sindrome clinica, possiamo tranquillamente dire "di tipo grave", che può esordire nel momento in cui una persona, sensibilizzata verso uno specifico allergene, vi viene a contatto.

Per i casi in cui si ha tale incresciosa situazione, saper cogliere i sintomi può equivalere a salvare vite umane: solo così è possibile impedire l'avvio di una serie di eventi emodinamici letali.

Natura della responsabilità medica dopo il decreto Balduzzi; extracontrattuale o contrattuale

E' opportuno reinquadrare e rimettere a fuoco il sistema della responsabilità, civile da "malpractice medica" a seguito della legge Balduzzi (L. 189/2012), che è stata oggetto di diverse opzioni interpretative e di applicazioni giurisprudenziali non sempre convincenti.

Mancata diagnosi tumorale e danno da perdita di chance.

La Cassazione torna a trattare di responsabilità medica (Cass. sez III 23/05/2014 n.11522) con particolare riferimento al danno derivante dalla mancata diagnosi di un "male incurabile".
Il tema risulta particolarmente importante, anche alla luce del recente intervento legislativo della legge Balduzzi.

La responsabilità del veterinario

Un'insufficienza renale cronica preterminale: la condanna a morte della cagnolina sembrava già scritta.

COLPA MEDICA - RIFIUTO DELLE CURE DEL PAZIENTE ED ERRATA DIAGNOSI DEL MEDICO

Una signora muore per un tumore non diagnosticato dal medico curante. Nel corso delle varie visite mediche, nonostante la patologia fosse riconoscibile, il medico si era orientato per l’origine psicologica dei disturbi lamentati dalla paziente.

Google, la Corte di giustizia Ue riconosce il diritto all'oblio dei cittadini

I singoli soggetti possono chiedere a Google di rimuovere i link ad articoli, sentenze giudiziarie e altri documenti che compaiono nei risultati di ricerca quando viene digitato il loro nome. È quanto ha stabilito la Corte di Giustizia europea, con una decisione sorprendente in Spagna che avrà delle ripercussioni in tutta Europa sul tema della privacy.

Amministrazione di Sostegno: PRESUPPOSTI DI APPLICAZIONE E SCELTA DELL’AMMINISTRATORE

La sentenza n. 2364/14 si sofferma su due profili:

- che cosa occorre, ecco il primo, per ottenere l'apertura dell' amministrazione di sostegno;

- chi va nominato come amministratore di sostegno quando i familiari litigano tra loro.

Cattiva sanità: DA QUANDO DECORRE IL TERMINE PER LA QUERELA

Nel campo del diritto non basta avere ragione: la forma e i tempi delle pretese azionate hanno un rilievo fondamentale. Così è per la procedibilità di alcuni reati, tassativamente previsti, per i quali l'azione penale è vincolata al valido esercizio di un atto di parte, quale la querela del privato offeso dalla commissione dell'illecito penale.

Blog satirico, commenti volgari degli internauti: niente oscuramento

Azzerato, ab origine, il provvedimento di sequestro preventivo del sito web, provvedimento adottato a seguito della contestazione del reato di diffamazione nei confronti del curatore del blog. Ma tale sanzione è eccessiva: perché i commenti sono stati effettuati da semplici utenti della rete e, comunque, oscurare il blog significherebbe incidere sul diritto di libertà di manifestazione del pensiero.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 11895/14; depositata il 12 marzo)

Pagine

 
© Studio Legale Avv.to Gianni Massanzana - P.IVA 01234560939 - Amministrazione